Vittoria! Il Governo vuole la Metro C: oltre 2 miliardi per arrivare a Farnesina

Con 2 miliardi e 200 milioni di euro, lo Stato si sta apprestando ad approvare quello che è, senza dubbio, il più grande finanziamento di sempre per un’opera del trasporto rapido di massa in Italia. Finalmente Roma, la Capitale d’Italia, torna a essere centrale nel capitolo di spesa per le grandi opere del trasporto pubblico. 



Non c’é la Metro C nella legge di bilancio

Nella Legge di Bilancio 2023 non c’è la Metro C. Se il Parlamento dovesse approvare così com’è la proposta di Legge del Governo Meloni, si tratterebbe di una notizia devastante per il finanziamento della linea. Le risorse assegnate recentemente dal Governo Draghi, infatti, sono numerose, ma non sono sufficienti e non permetterebbero di completare la Linea C neanche fino a Clodio.




Roma potrebbe perdere i fondi per il prolungamento della Metro A

Purtroppo i nostri timori si sono rivelati fondati: il Comune di Roma potrebbe perdere i fondi destinati al prolungamento della metro A.




Il Comune ha deciso di sostituire la funivia della Raggi con un’altra funivia, ancora peggiore

In un’intervista rilasciata a Leggo, l’Assessore ai Trasporti Eugenio Patané ha tracciato il futuro della funivia Battistini-Casalotti, proponendo sostanziali modifiche al progetto.




Vigna Clara: altro che metro, 9 treni al giorno e la domenica si chiude

Dal 13 giugno aprirà al servizio la stazione Vigna Clara.




Metro A e B: slitta ancora la fornitura dei treni, salta definitivamente l’obiettivo Giubileo

Non vedremo nuovi treni sulle metro per il Giubileo 2025. Quello che fino a ieri era un rischio, oggi è una certezza.




Patanè, linea C: prima di richiedere risorse MIMS, risolvere contenzioso

“O chiudiamo il contenzioso o non si va avanti”, questo è quanto dichiarato sulla Linea C dall’Assessore Patané all’agenzia DIRE, a margine del XII Congresso della Fit-Cisl Lazio, relativamente alla possibilità che Roma acceda al fondo da 3,7 miliardi per cinque città, messo a disposizione dal Governo, per proseguire con la realizzazione delle metropolitane.