Si sblocca Amba Aradam, ecco come sarà la stazione museo

Natale porta buone notizie per la metro C. Dopo 7 mesi si sono finalmente sbloccati i cantieri della stazione di Amba Aradam-Ipponio, fermi a causa di un ritrovamento archeologico davvero straordinario. La soluzione individuata per questa fermata è spettacolare: Amba Aradam si trasformerà in una stazione museo, con una terrazza sotterranea sui castrum romani rinvenuti i mesi scorsi (vedi foto). Creando, tra l’altro, un precedente fantastico per le future fermate della tratta centrale.




Meleo propone un referendum per proseguire la linea C

“Metro C fino a Corviale? Stop al Colosseo? No, forse a piazza Venezia, oppure, nel dubbio, virare verso piazzale Flaminio…”. Abbiamo perso quasi il conto delle proposte bizzarre arrivate negli ultimi tempi da alcuni rappresentanti dell’amministrazione guidata da Virginia Raggi. Anzi, approfittiamo per scusarci con i lettori per la nostra prolungata assenza e per non avervene dato conto. Ma ieri finalmente una nuova proposta, lo anticipiamo, una proposta che disapproviamo, ci ha destati dalla frustrazione e dall’oblio in cui eravamo finiti negli ultimi tempi, sfiaccati dalla tanta superficialità sul tema linea C e dalle pessime notizie delle ultime settimane. La notizia è questa: l’assessore alla Mobilità, Linda Meleo, ha proposto “un referendum” per capire come proseguire la linea C dopo il Colosseo.




Metro C a Corviale, la folle idea di Berdini

Non arriva come un fulmine a ciel sereno la proposta di Paolo Berdini, assessore all’Urbanistica di Roma, sulla radicale proposta di cambiamento di tracciato della Metro C. Appena insediato, a Giugno, l’assessore già aveva paventato un’ipotesi del genere in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, già da noi commentata e della quale riportiamo un frammento: «Arriviamo a San Giovanni. Poi dico: si può fare una metro che attraversa il centro senza fare una fermata? Visti anche i ritrovamenti archeologici, si può studiare lo sviluppo verso altri quadranti. ».




RomaMetropolitane chiude, ma non è ancora un addio alla linea C (lavori avanti, San Giovanni apre a ottobre 2017)

La linea C andrà avanti nonostante l’imminente chiusura di RomaMetropolitane annunciata dal sindaco di Roma, Virginia Raggi. Ancora non si sa se dopo il Colosseo sarà realizzata la tratta centrale T2, ed in caso come, ma non sarà la liquidazione della società che oggi gestisce gli appalti per le metropolitane in costruzione nella Capitale a decretarne le sorti. E’ quanto è stato ribadito questo pomeriggio, ma era un’ovvietà che solo certi giornali hanno fatto finta di non vedere, nel corso della seduta del’Assemblea Capitolina dedicata proprio a RomaMetropolitane (foto) e alla quale hanno partecipato la stessa Raggi, e l’assessore ai Trasporti, Linda Meleo. Facciamo, come al solito, un po’ di chiarezza.




Foto Notizia. cantieri Acilia Sud e Tor di Valle

Lentamente prende forma la nuova stazione di Acilia Sud lungo la Roma Lido. Completata la struttura a rustico delle banchine e il sottopasso di collegamento tra le stesse, è stata montata la struttura portante in acciaio delle pensiline e ed è in corso di realizzazione il fabbricato viaggiatori. Ad oggi la fine dei lavori è fissata a Maggio 2017. Due gli anni di ritardo sulla tabella di marcia che raddoppiano i tempi di esecuzione inizialmente preventivati. L’apertura al pubblico, dopo i nulla osta necessari, è dunque plausibile nel corso dell’estate 2017.




Raggi resuscita la Tva. Ma così rischia di uccidere la linea C

L’amministrazione Raggi ha tirato fuori dal cilindro, in queste ore, un affascinante progetto di cui non si parlava più dai tempi della giunta Rutelli, la Tva, la linea tranviaria Termini-Vaticano-Aurelio. A rilanciarlo è stato il presidente della commissione Mobilità, Enrico Stèfano. A noi di MetroxRoma quando si parla di nuove linee su ferro a Roma va sempre bene. Ed anche la Tva non ci dispiace per niente, a patto, però, che non si uccida ancora in culla la tratta T2 della linea C, il cui percorso si sovrappone perfettamente a quello della Tva. E purtroppo temiamo che questa sia proprio l’intenzione dei 5 stelle. Ma andiamo con ordine.




Roma-Lido: ad ottobre pronti 180 mln. Ma ci vorranno 5 anni per vederla trasformata in metropolitana

Qualcosa si muove per la Roma-Lido. Dopo anni di appelli (anche su questo blog), proteste ed estati roventi dentro treni scassati a 45 gradi sembra che la Regione Lazio ed il Governo abbiano preso a cuore la situazione (era ora!!!), slegando i destini della linea dalla questione stadio della Roma e quindi dalle mosse del Campidoglio. La notizia è questa: a metà ottobre, dopo il pronunciamento del Cipe, saranno disponibili e pronti nelle casse della Regione Lazio 180 milioni destinati al rifacimento della linea. Si tratta di una somma resa possibile da contributi statali e regionali che fino ad ora erano stati solo annunciati. Ora finalmente sono pronti. Da quel momento in poi partirà la progettazione degli interventi che porterà via circa un anno. E solo al termine di questo periodo, effettuate le gare, potranno partire i lavori che, secondo i tecnici di Atac ascoltati proprio su questo venerdì alla commissione Trasporti del Comune, “dureranno 3 o 4 anni”.