Tag: writers

Ecco il treno ripellicolato

Eccolo il vecchio treno della linea B ripellicolato e presentato alla stampa (qui la notizia) come treno “ANTIWRITER”. Già dopo due giorni ci sono arrivate segnalazioni da parte degli utenti del famoso treno diventato molto più… “written”! E oramai sono settimane che questo treno gira in queste condizioni: soldi ben spesi non c’è che dire. Lo ripeteremo fino allo sfinimento: la prima misura antiwriting è sorvegliare il deposito Magliana! Le ripellicolature dopo, sennò sono soldi (nostri) buttati! Ringraziamo Bebooo per la foto. 




Beccati altri due writer …quindi?

Dopo l’identificazione recente di un insozzatore vanitoso, colto dai carabinieri in pieno centro, mentre immortalava con la macchinetta fotografica il suo imbrattaggio del giorno precedente, altri due writer nella notte tra domenica e lunedì sono stati pizzicati dagli addetti della security Atac, evitando dunque di subire, qualora avessero trovato ancora qualche centimetro di superficie disponibile, un’altra possibile azione vandalica ai danni degli sgangherati treni fermi in deposito.




Si vuole o non si vuole fare qualcosa?

Un video ed una notizia dovrebbero essere poste all’attenzione del nuovo AD di Atac Roberto Diacetti. Il video, che sta spospolando su YOUTUBE, mostra in modo imbarazzante la vergognosa gestione da parte di ATAC dei controlli agli accessi della Metro. In pochi minuti, tanto dura il video, ed in un’ora non certo di punta, con una nonchalance inaudita, molti “portoghesi” (purtroppo si vede anche una famiglia con un bimbo) approfittano della mancanza di controlli, per accedere in modo disinvolto e rigorosamente gratuito al servizio della metropolitana, utilizzando il varco adibito ad uscita d’emergenza. 




Già imbrattano i treni della linea C

Non li ha ancora usati nessuno ma sono già stati presi di mira. Le vittime sono i nuovissimi treni automatici della linea C. I carnefici sono quei teppisti che pretendono di usarli come un foglio di carta su cui scarabocchiare. Lo documenta un video che gira su youtube in cui si vede un treno della linea C, riconoscibile per la sua inconfondibile livrea, parcheggiato (e incustodito) probabilmente sul viadotto al capolinea Pantano mentre viene deturpato da un individuo che, armato di bomboletta, da sfogo alla sua povertà intellettuale ed estetica. Onestamente non possiamo che provare infinita pena per questi tipo di persone che, credendosi in qualche modo “artisti-trasgressivi”, non si rendono conto di essere meri danneggiatori di cosa pubblica. Inguaribili ottimisti quali siamo confidiamo che lui e tutti i suoi colleghi vengano identificati prima o poi dalle forze dell’ordine e costretti ai lavori sociali (in primis, il ripristino delle cose danneggiate) affinché ne traggano una qualche forma di rieducazione. (Ringraziamo Ettore per la segnalazione)