Tag: Linea B

Linea A e B al capolinea. Interventi indispensabili per 1 miliardo e 200 milioni

Metro A e B al limite di vita tecnica degli impianti. Strutture fuori norma per barriere architettoniche e normativa antincendio. La vera sfida dei prossimi 10 anni sarà progettare, finanziare e avviare tutti gli interventi necessari a sanare le due metropolitane, ossatura portante e indispensabile del trasporto pubblico romano. Necessari almeno 1 miliardo e 200 milioni di Euro e tanta pazienza degli utenti.




Bilancio ok ci sono 16 milioni per linea C. Ora serve CIPE ad hoc

Emendamento da 16 milioni per la Linea C a scapito del potenziamento della Linea B. Bilancio di previsione 2018-2020 approvato nella notte, in ritardo per il Cipe di ieri pomeriggio. Ora serve una seduta apposita da convocare il più presto possibile.




Linea B a Casal Monastero. La nostra previsione: niente cantieri e si finirà in tribunale

Il prolungamento della Metro B da Rebibbia a Casal Monastero rimane al palo, vittima dell’immobilismo decisionale. A più di cinque anni dalla firma della concessione, i cantieri non sono ancora un orizzonte prossimo. E pensare che a Giugno 2017 i lavori sarebbero dovuti finire, secondo il cronoprogramma ufficiale del 2011. L’assessore Meleo ha ribadito più volte l’interesse per questo progetto, ma nulla di concreto è stato ancora fatto per garantirne la realizzazione.




Facciamo la Metro E, a prescindere dallo Stadio

In questi giorni di trattative sullo Stadio di Tor di Valle, riguardo le opere pubbliche accessorie, ne abbiamo sentite di tutti i colori. Questo caos è dovuto al fatto che, ad oggi, ancora non esistono documenti ufficiali che trattino le infrastrutture relative al “Progetto 2.0”, come definito dalla Sindaca, anche se unendo il collage di informazioni ricavate dalla stampa risulta che le opere previste nel “Progetto 1.0” dovrebbero rimanere, anche se costruite in 2 fasi e monche del 47% di cubature, ed oltretutto non più finanziate per la totalità dalla A.S. Roma. Queste comunicazioni, esclusivamente ufficiose, sono sopratutto dovute al fatto che in realtà la trattativa è appena iniziata ed è ben lungi dall’essere conclusa, adesso infatti sarà necessaria una nuova delibera che certifichi il pubblico interesse a cui seguirà una nuova Conferenza dei Servizi, insomma si riparte dal via.




Foto notizia. Cantieri Linea C sotto il Colosseo

Sì allarga il cantiere ai Fori Imperiali. Le ruspe da qualche giorno hanno occupato le aiuole ai piedi del Colosseo, dove saranno realizzate le strutture di collegamento con Linea B. Come si può notare dall’immagine qui sotto per consentire il collegamento tra la stazione Fori Imperiali della Linea C e Colosseo della Linea B risulta necessaria la realizzazione di un pozzo costruttivo posto a Est della galleria di stazione Colosseo; sul lato opposto invece un corridoio completa la connessione con l’atrio della Linea C.




Due fine settimana senza linea B tra Rebibbia e Tiburtina

Durante i weekend 14-15 e 28-29 novembre 2015 la linea B da Tiburtina a Rebibbia non sarà in servizio per lavori. Treni regolari da Laurentina a Jonio/Tiburtina (quest’ultima compresa) mentre lungo la tratta interrotta saranno predisposti autobus sostitutivi (con gli stessi orari di servizio della metro: 5:30-1:30 il sabato e 5:30-23:30 la domenica).




Esposito ai trasporti. Le 6 priorità del nuovo assessore secondo MetroXRoma.

Prima deputato poi senatore, Stefano Esposito, piemontese, classe 1969, è famoso soprattutto per le sue posizioni francamente favorevoli alla ferrovia Torino – Lione. Da qualche giorno è il nuovo assessore ai trasporti di Roma Capitale, dopo la breve esperienza del suo predecessore Improta. Apprezziamo il repentino interesse per la disastrosa situazione di Atac. Bisogna dire comunque che alla luce degli enormi e imbarazzanti disagi creati in questo ultimo mese non ci si poteva aspettare altrimenti. Il rilancio del trasporto pubblico però, per quanto debba necessariamente e giustamente passare per la riorganizzazione della municipalizzata dei trasporti, non può prescindere da seri e concreti propositi di sviluppo e potenziamento infrastrutturale. Da questo punto di vista, purtroppo, nessuno sarà mai in grado di fare la voce grossa; La materia è talmente complessa e da addetti ai lavori che mai abbastanza persone batteranno i pugni sul tavolo per pretendere interventi necessari e indispensabili. Oggi il Comitato pubblica una lettera aperta al neo-assessore, che gli sarà recapitata anche direttamente, per farci conoscere e per invitarlo a ragionare, e speriamo presto a prendere posizione, in merito ad alcune questioni fondamentali e prioritarie per il trasporto pubblico romano.