Tag: degrado

Allarme antincendio a Termini: il sistema si attiva a sproposito da 3 giorni

Sono ormai almeno 3 giorni che gli utenti ci segnalano il sistema di allarme antincendio attivo nella stazione metro di Roma Termini. Forse c’è qualche bontempone che si diverte a farlo scattare? O è un problema al sistema di allarme? In entrambi i casi la situazione è molto grave.




Così mai più

Sette anni di lavori, di disagi e  di polvere. 700 Milioni di euro spesi. Una stazione cancellata (Nomentana). Una aggiunta ed ancora in corso d’opera (Jonio). Opere accessorie non terminate: parcheggi ancora in costruzione e carenza di materiale rotabile. Poi ancora: problemi al software che gestisce l’immissione dei treni dalla  diramazione alla vecchia metro B. Ritardi, guasti alla linea aerea, treni imbrattati, sporchi e senza aria condizionata. Un deposito dei treni  in  balia di chiunque abbia voglia di entrarci. Pochi controlli agli accessi per la gioia dei portoghesi, vecchi e nuovi, in costante aumento anche a causa dell’incremento del prezzo del biglietto. Ci sembrava di aver visto tutto. Abbiamo sopportato. Abbiamo denunciato. Ci siamo illusi di un possibile, lento ma inevitabile, miglioramento: toccato il fondo si può solo che risalire.




Stazioni B1: inizia il degrado

Lo avevamo segnalato anche noi. Lo avevamo scritto inorriditi ed anche all’inizio un po’ increduli: le nuove stazioni della Metro B1 iniziano ad avere problemi d’infiltrazione e di manutenzione. 7 anni di Lavori per tre nuove stazioni (Sant’Agnese/Annibaliano; Libia e Conca D’oro) che sono andate a creare, in attesa di Jonio, purtroppo anch’essa in evidente ritardo, la nuova tratta B1. 7 anni di sacrifici per residenti e commercianti, con la promessa, il miraggio, di una Metro funzionale in un quadrante bisognoso di mobilità. Una diramazione nata nelle difficoltà, con un numero di stop e di disservizi quasi quotidiani. Una gestazione difficile, non supportata dal completamento dei parcheggi che sono ancora completamente da realizzare, non supportata dagli acquisti di nuovi treni e con la mazzata pesante di una riorganizzazione del trasporto su gomma che ha lasciato basiti ed in piena difficoltà’ moltissimi residenti del quadrante. Questa è storia.




guasti B1 e pulizia nelle stazioni

Come abbiamo detto in passato la linea B1 ha dato molti problemi per una pluralità di fattori: problemi tecnici al sistema di controllo dello scambio di Bologna, scioperi bianchi del personale, un collaudo forse insufficiente (nonostante sia durato non poco). Il Messaggero di oggi titola trionfale la fine dei problemi sulla diramazione: non si sa come ma Atac assicura che il problema al deviatore è stato risolto: vedremo se effettivamente a regime la B1 non darà più problemi. Vedremo anche se i treni si guasteranno meno e se il personale non aggiungerà ai già numerosi scioperi legalmente convocati anche quelli “informali” che tanto hanno esasperato gli utenti della B.