La Regione compra 20 treni per la Roma-Lido: la “Metro E” prende vita

Il 5 Marzo è stato pubblicato in gazzetta ufficiale il bando di gara per l’acquisto dei 38 treni per le ferrovie concesse, tra cui 18 treni per la Roma-Civita Castellana-Viterbo e 20 per la Roma-Lido. E’ il primo passo per la trasformazione della Roma-Lido in una sorta di metropolitana. In quella che noi MetroXRoma chiamiamo da tempo Linea E.

 

Entriamo nei dettagli. Per la Roma-Lido il bando prevede “massimo 20 convogli a 6 casse intercomunicanti per la ferrovia regionale Roma-Lido di Ostia con una lunghezza compresa tra 105 e 108 m, una larghezza di 2,85m ed alimentazione elettrica a 1,5 KV c.c.”
Abbiamo ritenuto importante segnalarvi questa descrizione tecnica poiché 2,85m è lo standard della Metro B, non della Roma-Lido (che è di 3,05m), tanto che oggi sulla linea circolano dei treni facenti parte precedentemente del parco rotabile di Metro A e B, e quindi da 2,85 metri di larghezza, ma con delle pedanine che adeguano il treno alla sagoma maggiorata. Da quanto ha potuto apprendere MetroxRoma, questa scelta di ordinare treni con la sagoma metropolitana è espressione della volontà della Regione Lazio di adeguare la Roma-Lido allo standard della Metro B, ordinando quindi treni che potranno tranquillamente adattarsi alla nuova geometria delle banchine non appena partirà il previsto programma di standardizzazione, indispensabile alla futura unificazione di Lido e B prevista dal Piano Regolatore Generale e da noi auspicata anche sul PUMS, in questo articolo.
La prima tranche, da 100 milioni di euro, prevede l’acquisto di 5 treni per la “Metro E” e 6 treni per la Roma-Civita Castellana-Viterbo (che potrebbero essere attivi entro un anno e mezzo-due), fino ad un massimale di 315 milioni di euro per l’acquisto dell’intera flotta (che arriveranno entro 5 anni su entrambe le linee). Buone notizie, dunque, anche per i pendolari della linea tra la Capitale e il capoluogo della Tuscia, che da tempo viaggiano su treni davvero vecchi, lenti e brutti.