Verso il prossimo sindaco – Giachetti punta sui tram “Marconi” e “Della Musica”

Prosegue la missione di MXR per informarvi sulle proposte sui trasporti dei vari candidati alla carica di sindaco di Roma. In vista delle primarie del centrosinistra, previste per domenica, torniamo ad occuparci di Roberto Giachetti. Memori della sua dichiarazione recente contro le metro “non investirò sulle metro, chiudiamo quello che c’è da chiudere con il Governo e poi puntiamo sui tram” oggi vi riportiamo la posizione del democratico proprio sui tram. Eccola, presa dalle pagine de Il Messaggero.

“Penso a tre nuove linee di tram. La linea tra viale Marconi e Ippolito Nievo, il tram della Musica tra Ottaviano e piazza Ungheria, e la linea Centocelle-Termini. Si può fare tutto entro il mandato, conn una spesa di 300 milioni”.

Di progetti di nuovi tram per Roma ne esistono ormai tanti: le sette nuove linee proposte da agenzia della Mobilità (sulla Tiburtina, il “tram della Musica” Prati-Auditorium-Parioli, la linea sulla Marconi, quella che parte dall’ex Fiera di Roma, e i mini interventi su via dei Fori Imperiali, al Pigneto, e quella in zona piazza Lodi), ma anche i progetti storici come la TVA (Termini-Vaticano-Aurelio), la trasformazone della Roma-Giardinetti in tram moderno, il tram sulla Togliatti, e il tram/metro leggera tra Anagnina e Torre Angela. Come commentare le scelte di Giachetti? Il tram della Musica è una linea già contenuta nel dossier olimpico. Ci piace e riteniamo sia utile e di sicuro impatto d’immagine per trasformare il Flaminio nel quartiere delle arti, con il nuovo boulevard su via Guido Reni. Insomma una scelta ovvia e indispensabile, che avrà la benedizione del Governo. Il secondo tram è molto suggestivo: quello sulla Marconi. Si tratta di una linea fondamentale per sbloccare un’arteria paralizzata dal traffico ad ogni ora. Ma ci sono dei “però”. Il primo: si tratta di un’operazione molto complessa perché la corsia preferenziale sarebbe realizzata al centro della carreggiata, dove ora si trovano alberi e parcheggi. E poi c’è la vecchia questione della linea D, che sarebbe dovuta passare proprio sotto viale Marconi. Realizzare un tram lì vuol dire affossare la linea D, definitivamente, almeno nel suo ramo sud. Infine il terzo tram Centocelle-Termini (?). Una linea che unisce queste due zone esiste già, il tram 5. Possibile che Giachetti non la conosca? Speriamo si sia solo confuso, magari pensando alla trasformazione della Giardinetti-Termini, che passa effettivamente nella zona sud di Centocelle.

Tag: