Finalmente la video-sorveglianza al deposito Magliana

La linea B, la più antica di Roma, quella scavata “a mano” a pochi metri dal Colosseo,  progettata ed iniziata negli anni trenta durante il regime fascista  allo scopo di offrire un collegamento rapido tra la stazione Termini (situata al centro della città) e il nuovo quartiere denominato E42 (l’attuale EUR), dove avrebbe dovuto aver luogo l’Esposizione Universale del 1942, potrebbe finalmente avere i propri treni puliti e decorosi come i moderni Caf impiegati nella linea A.

Roberto Diacetti, AD di Atac, incalzato da MetroXRoma, conferma: a fine mese, finalmente, sarà installato un sistema di video sorveglianza a tutela del parco rotabile della Linea B e della Roma Lido. Una notizia importante per la quale il Comitato esulta proprio perché, in sede di incontro con i vertici Atac, si era battuto molto su questo punto. In quell’occasione si era però evidenziato che la copertura video dell’intero perimetro del deposito Magliana era fondamentale ma non risolutiva: serve un presidio costante, specie in certi orari della notte dove al momento, indisturbati, i soliti insozzatori penetrano inesorabili, sporcando nuovamente i treni da poco ripuliti. Un danno enorme, economico e d’immagine, per l’azienda dei trasporti capitolina, per Roma e per tutti quei cittadini a cui oggi importa il decoro, la pulizia e l’efficienza del servizio. Un passo comunque importante, da salutare positivamente, anche per l’arrivo dei nuovi Caf previsti per metà del 2014.