comunicato

NIENTE METRO D A SAN SILVESTRO? ALTRA OCCASIONE PERSA

Accogliamo con amarezza, ma non con sorpresa, la notizia della soppressione, questa volta ufficiale, della stazione della futura metro D a piazza San Silvestro. I motivi? Il ritrovamento parziale di preesistenze archeologiche.
Dopo quella della linea C a largo Argentina il centro storico perde un’altra fermata fondamentale della futura rete metropolitana. Un grave danno alla città visto l’efficienza di una rete metropolitana è data soprattutto dalla possibilità di portare passeggeri in ogni zona del centro, non solo dalla necessità di lenire il traffico lungo le grandi arterie della viabilità periferica.
I cittadini che vogliono le metropolitane esprimono amarezza soprattutto perché i lavori a piazza San Silvestro, interessata ad una riqualificazione di superficie, avrebbero potuto rappresentare un momento importante per effettuare carotaggi esplorativi e per predisporre la piazza ad un futuro intervento. Senza dimenticare che le tanto temute uscite sotterranee, spauracchio di ogni intervento nel sottosuolo del centro, erano state prudentemente già realizzate da decenni ed ospitano oggi due librerie: la prima all’incrocio tra via del Tritone via del Corso, la seconda all’incrocio con via del Tritone, via dei due Macelli e via del Traforo.
In attesa dell’avvio dei lavori, con un po’ più di coraggio, l’amministrazione avrebbe potuto realizzare un progetto mettendo insieme la tutela archeologica e una moderna rete di trasporto pubblico sotterraneo.