La metro B avrà nuovi treni… un giorno.

Sono anni che ci dicono che la prossima sarà l’ultima estate bollente sui treni della linea B. Ricordiamo nitidamente le promesse di una linea completamente climatizzata entro la fine del 2010 con l’ammodernamento dei treni attualmente circolanti. Per risparmiare. Successivamente si ritrattò dicendo che sarebbero circolati 9 nuovi treni climatizzati in breve tempo e i rimanenti vecchi treni sarebbero stati dotati di aria condizionata. Oggi si dice che, sempre per risparmiare, si comprano nuovi treni (che per la cronaca costano una decina di volte in più dell’installazione del climatizzatore) per sostituire tutto il materiale rotabile della linea entro qualche anno (2014?). Le promesse di un servizio civile in concomitanza della apertura della B1 e del rincaro del biglietto sono sfumate, come al solito, nel nulla.

Perchè atac non è in grado, pur essendo dotata delle officine per la manutenzione straordinaria, di ammodernare i propri mezzi come fanno ad esempio a Berlino, dove treni degli anni 80 sono stati dotati di tutti i comfort (oltre che essere tirati sempre a lucido)?

Perchè non utilizzare dunque questo patrimonio di 30 treni della B dirottandoli, come già fatto in passato, sulla lido in modo da trasformarla, attraverso l’aumento del passaggio dei treni, in una metropolitana?

E visto che siamo in tema, che fine hanno fatto i treni Firema Freccia Flaminia II, appaltati anni dalla Regione Lazio ai tempi di Marrazzo, che avrebbero dovuto sostituire i vecchi treni sulla linea Roma-Nord? Ci risulta che la Firema sia fallita, e con essa anche l’ordine. Ma se quei treni servivano perchè non si è provveduto a un nuovo appalto?